Acqua e clima temperato su Trappist-1e

La piccola e fredda stella nana M Trappist-1 e i suoi sette mondi. Una nuova ricerca dell’Università di Washington ipotizza i possibili climi di questi mondi e come potrebbero essersi evoluti. Crediti: Nasa

Non tutte le stelle sono come il nostro Sole, quindi non possiamo di certo aspettarci che i relativi sistemi planetari assomiglino al nostro. Una nuova ricerca condotta da un team di astronomi guidato dall’Università di Washington (Uw) fornisce modelli climatici aggiornati per i sette pianeti attorno alla stella Trappist-1. Lo studio potrebbe inoltre aiutare gli astronomi a studiare in modo più efficiente i pianeti attorno a stelle diverse dal nostro Sole, e a usare meglio le limitate e costose risorse del James Webb Space Telescope, che dovrebbe essere lanciato nel 2021. continua ...

Il clima tempestoso di Titano

Questa animazione, basata sulle immagini acquisite dal Visual and Infrared Mapping Spectrometer (Vims) della sonda Cassini durante diversi flybys di Titano nel 2009 e nel 2010, mostra chiari punti luminosi che appaiono vicino all’equatore intorno all’equinozio, interpretati come prove di tempeste di sabbia. Essi sono visibili solo per breve tempo, tra le undici ore e le cinque settimane terrestri, e non visibili nelle immagini precedenti o successive. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech/University of Arizona/University Paris Diderot/Ipgp/S. Rodriguez et al. 2018 continua ...

Clima terrestre segnato da Venere e Giove

Un rendering del ProjectTrumpmore, lanciato dalla ong finlandese Melting Ice. Sul sito projecttrumpmore.com si legge che la testa sarebbe alta 35 metri, larga 20 e profonda 20: più grande di quelle del Monte Rushmore negli Stati Uniti.

Mentre un tandem di scultori del ghiaccio finlandesi-mongoli raccoglie denaro sufficiente a finanziare l’assurdo progetto che vuole su un iceberg l’effigie di Donald Trump, sullo stile dei ritratti presidenziali del Monte Rushmore, il biondo e vaporoso inquilino della Casa Bianca non sembra manifestare alcun tipo di interesse nei confronti di proteste e oppositori. Tanto più in tema di cambiamenti climatici. Che si tratti del direttore dell’Earth Institute alla Columbia University Jeffrey Sachs o della rispettosa American Association for the Advancement of Science, poco importa. La strategia è fare orecchie da mercante e picchiare duro sugli ambientalisti più ingenui: climate change? Non ci sono prove concludenti sull’esistenza di un problema di riscaldamento globale d’origine antropica. continua ...

Clima: Nasa e Noaa, ultimo triennio il più caldo dal 1880 – Ambiente e Energia

Il 2017 è stato per la Terra il secondo anno più caldo dal 1880, cioè da quando si ha disponibilità di dati. A dirlo è la Nasa, secondo cui la temperatura si è attestata a 0.90 gradi centigradi sopra la media, battuta solo dal 2016 con 0.99 gradi, mentre il 2015 ha fatto registrare un + 0,86 g… video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
Fonte: Clima: Nasa e Noaa, ultimo triennio il più caldo dal 1880 – Ambiente e Energia