Terriccio marziano a 20 dollari al kg

Un team di astrofisici dell’Università della Florida Centrale ha sviluppato un metodo standardizzato su base scientifica per la riproduzione di suolo marziano e asteroidale conosciuti come simulanti. Crediti: University of Central Florida, Karen Norum

Si potrebbe pensare a una fake news, una delle tante che circolano in rete, e invece è tutto vero. Un team di astrofisici dell’Università della Florida Centrale (Ufc) ha sviluppato un metodo standardizzato per la creazione di suolo marziano e asteroidale, noti come simulanti o campioni analoghi. Lo studio è stato pubblicato lo scorso settembre sulla rivista Icarus, ed è molto simile a una ricetta culinaria. Questo perché i materiali planetari disponibili per lo studio di laboratorio provengono da una serie di campioni raccolti nel corso di missioni spaziali, nonché da una grande collezione di meteoriti – soprattutto condriti ordinarie. Questi materiali, però, sono rari e molto spesso costosi, così diversi gruppi di ricerca hanno prodotto materiali planetari sintetici che mirano a replicare una o più caratteristiche del campione di riferimento. continua ...

Tre milioni di dollari a Jocelyn Bell

Jocelyn Bell nel 1967, l’anno in cui scoprì la prima pulsar. Crediti: Roger W Haworth / Flickr

A pochi giorni dalla notizia del voto degli astronomi per intitolare la legge di Hubble anche a Lemaître, ecco che questa fine d’estate ci offre un’altra riparazione a un torto storico da tempo attesa nel mondo della scienza: è di poche ore fa ‘annuncio dell’assegnazione a Jocelyn Bell Burnell dello Special Breakthrough Prize in Fundamental Physics. Un premio che vale tre Nobel, se non altro in termini economici: all’astronoma che nel 1967 scopri la prima pulsar vanno infatti tre milioni di dollari. E se li merita fino all’ultimo cent: la storica scoperta la fece insieme al suo supervisor di dottorato, Antony Hewish, ma fu solo a quest’ultimo che, nel 1974, venne conferito il Nobel per la Fisica. Un mancato riconoscimento condiviso da Bell Burnell con molte altre scienziate, in particolare nel campo della fisica: a tutt’oggi, su 200 premiati solo 2 sono donne: l’1 per cento. continua ...

Mezzo milione di dollari per Planck

Crediti: Esa e Planck Collaboration – D. Ducros

È stato assegnato al team del telescopio spaziale Planck dell’Esa e ai suoi due principal investigators, Nazzareno Mandolesi e Jean-Loup Puget, il Gruber Cosmology Prize 2018. Dal 2009 al 2013 Planck ha raccolto dati che hanno fornito alla cosmologia una descrizione definitiva dell’universo alle scale più grandi e più piccole. «Misure che hanno portato alla determinazione dei parametri cosmologici (contenuto di materia, geometria ed evoluzione dell’universo) con una precisione senza precedenti», dice la motivazione del Premio Gruber. continua ...

Ventisette anni e oltre un miliardo di dollari: John Collison è il più giovane miliardario "self-made" del mondo

Irlandese, originario di un piccolo paese, ha fondato insieme a suo fratello una startup che si occupa di pagamenti online. Un'impresa che ha attirato grossi finanziatori come Tesla e Paypal. Ma i soldi – dice – non gli hanno cambiato troppo la vita video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
Fonte: Ventisette anni e oltre un miliardo di dollari: John Collison è il più giovane miliardario "self-made" del mondo