New Horizons, lo scatto da più lontano

Non è affascinante come la “Pale Blue Dot”, ma quest’immagine di un ammasso stellare è quella che ne ha battuto il record di distanza dopo più di 27 anni. Crediti: Nasa/Jhuapl/Swri

La sonda della Nasa New Horizons, che nel luglio 2015 ha sorvolato il pianeta nano Plutone, sta ora inoltrandosi nella parte esterna del Sistema solare, percorrendo più di un milione di km al giorno verso la sua destinazione: un cosiddetto Kbo, uno dei corpi minori presenti nella fascia di Kuiper, denominato 2014 MU69, che New Horizons raggiungerà tra meno di un anno, il primo gennaio 2019. continua ...

Nel 2019 la sonda New Horizons ai confini del Sistema Solare – Scienza e Tecnica

A poco più di due anni dallo storico incontro con Plutone, la sonda New Horizons della Nasa punta verso il corpo celeste più distante mai raggiunto da un veicolo costruitodall'uomo: si chiama 2014 MU69 ed è uno dei misteriosi mondi ghiacciati ai confini del Sistema Solare. (ANSA) video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
Fonte: Nel 2019 la sonda New Horizons ai confini del Sistema Solare – Scienza e Tecnica

Il risveglio di New Horizons

Il centro operativo del Johns Hopkins Applied Physics Lab di Laurel, nel Maryland. Crediti: Nasa / Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory / Southwest Research Institute

Si è “svegliata” come da programma da uno stato di ibernazione durato cinque mesi, sta bene, è in salute e funziona alla perfezione. New Horizons ha completato la procedura di ripristino degli strumenti e comunica correttamente con il Johns Hopkins Applied Physics Lab di Laurel, nel Maryland, dove Alice Bowman e la sua squadra di scienziati ascoltano attenti ogni segnale inviato a terra dalla sonda spaziale che in questo momento di trova nella fascia di Kuiper ‒ la regione del Sistema solare che si estende dall’orbita di Nettuno fino alla distanza di 50 unità astronomiche dal Sole e costituita da oggetti composti perlopiù da sostanze volatili congelate, come ammoniaca, metano e acqua, simile alla fascia principale di asteroidi che si trova fra Marte e Giove ma 20 volte più estesa e da 20 a 200 volte più massiccia. continua ...