Un’orbita di 21 anni per il “piccolo” Gl 15 A c

Rappresentazione artistica di un sistema esoplanetario multiplo in orbita attorno a una stella doppia. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech/T. Pyle

Un pianeta con una massa pari a 36 volte quella della Terra e che impiega quasi 21 anni per compiere un’orbita completa attorno alla sua stella, ad oggi il più piccolo pianeta noto con un periodo orbitale così lungo, è stato confermato e caratterizzato da un team di ricercatori guidato da Matteo Pinamonti, dell’Istituto nazionale di astrofisica  di Torino, grazie alle osservazioni condotte con lo spettrografo Harps-N installato al Telescopio nazionale Galileo dell’Inaf alle Isole Canarie. Lo studio nasce dalla collaborazione tra la comunità italiana del programma di ricerca Gaps (Global Architecture of Planetary Systems) e gli istituti spagnoli Ice e Iac uniti dal progetto Hades, che ha permesso di ottimizzare il tempo osservativo offerto alle due nazioni dal Telescopio nazionale Galileo nella ricerca di sistemi planetari attorno a stelle di piccola massa. continua ...

Tess al galoppo verso l’orbita

Il lancio di Tess. Crediti: Nasa Television

Il nuovo satellite Nasa Tess (Transiting Exoplanet Survey Satellite), con cui si prevede di trovare migliaia di nuovi pianeti extrasolari orbitanti attorno a stelle relativamente vicine, è decollato alle 00:51 ora italiana di oggi 19 aprile 2018 su un razzo SpaceX Falcon 9 dalla base militare di Cape Canaveral in Florida, negli Stati Uniti. Un’ora dopo, la sonda ha correttamente dispiegato la coppia di pannelli solari di cui è dotata.

Nel corso delle prossime settimane, Tess accenderà sei volte i propulsori per arrivare a percorrere una serie di orbite progressivamente allungate verso la Luna. Il nostro satellite le fornirà una spinta gravitazionale aggiuntiva in modo che Tess possa trasferirsi nella sua orbita scientifica finale, grazie alle quale passerà attorno alla Terra ogni 13.7 giorni. Il lavoro vero e proprio inizierà dopo una sessantina di giorni, impiegati a verificare che tutto sia ben funzionante. continua ...

Il record spaziale di Astropaolo, 6.000 ore in orbita – Scienza e Tecnica

Seimila ore nello spazio. E' il record raggiunto il 12 ottobre da AstroPaolo in orbita dal 28 luglio scorso a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per la missione "Vita" dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI). Paolo Nespoli ha infatti totalizzato complessivamente ben 250 giorni in orbita (ANSA… video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
Fonte: Il record spaziale di Astropaolo, 6.000 ore in orbita – Scienza e Tecnica

Sull’orbita di Phobos

L’immagine è una composita di scatti distinti e raccolti dallo strumento WFC3/UVIS a bordo del telescopio spaziale Hubble. Crediti: Nasa, Esa e Z. Levay (Stsci)

Sono bastati 22 minuti a Hubble per portare a casa 13 affascinanti ritratti della piccola luna Phobos, che in questa composita ricreata a computer sembra sbucare dalla schiena del pianete di cui è satellite naturale, Marte.

L’ultravista del telescopio spaziale Nasa-Esa ha inseguito, si fa per dire, quello che a occhio nudo si presenta come un oggetto piuttosto irregolare e più simile a un pallone da football (così lo descrive Nasa sul suo sito ufficiale) che a un corpo celeste. continua ...