Restaurato il telescopio di Schiaparelli, ‘vide’ i canali di Marte – Scienza e Tecnica

astronomiaE' tornato a risplendere come oltre secolo fa, quando faceva sognare misteriose civiltàaliene: è il telescopio Merz-Repsold da 7 tonnellate di Giovanni Schiaparelli, che a fine dell'800venne usato dall'astronomo nell'Osservatorio di Brera per mappare la superficie di Marte(ANSA) video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
video,assurdi,divertenti,musica,telefilm,salute,ufo,mistero,animali,fai da te,cucina,auto,cinema,news,religione,turismo
Fonte: Restaurato il telescopio di Schiaparelli, ‘vide’ i canali di Marte – Scienza e Tecnica

Merz-Repsold, il telescopio che visse due volte

29.09.2017, ore 19:00

Non c’è niente da fare: ti prende un senso di vertigine di fronte al telescopio rifrattore Merz-Repsold da 49 centimetri, uno dei più grandi investimenti scientifici del neonato Regno d’Italia, che Giovanni Virginio Schiaparelli utilizzò per perfezionare le sue osservazioni del pianeta Marte dal 1886 al 1890.

Nella sua nuova collocazione, presso la sezione astronomica del Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano, lo strumento acquisisce una presenza fisica degna di un tirannosauro, con un tubo ottico di oltre sette metri, montato su un sostegno alto 5 metri, per una massa complessiva di ben 7 tonnellate.  Eppure non sono le dimensioni che ti fanno mancare il fiato, mentre cerchi di cogliere con lo sguardo il grande telescopio. continua ...

Lo Yeti al telescopio con «L’amore Bufalo»

La cover del singolo

Le cupole dei telescopi, con il loro connubio unico fra tecnologia e visione delle profondità del cielo stellato, continuano ad attrarre artisti che cercano nuovi modi per esprimere la loro creatività. Il cantautore bolognese “Lo Yeti” (alias Pierpaolo Marconcini) ha scelto come location del video del suo pezzo musicale “L’Amore Bufalo” la cupola del telescopio “Cassini” da 1.52 metri dell’Inaf-Osservatorio astronomico di Bologna. Lo abbiamo incontrato per scambiare due battute in libertà. continua ...